Skip to main content

LA VITA È MALATTIA: LO DICE LA BIBBIA DEGLI PSICHIATRI

Intervista al dott. Angelo FIoritti sul DSM 5

🔊 Puntata 330


LA VITA È MALATTIA: LO DICE LA BIBBIA DEGLI PSICHIATRI

 

 

Il 28 marzo è uscita la versione italiana del DSM, il Manuale Diagnostico e Statistico di psichiatria, il testo che elenca i sintomi e decreta quando i comportamenti devono essere considerati malattie. Detto anche “la Bibbia degli psichiatri”, il DSM venne pubblicato per la prima volta nel 1952 dall’American Psychiatric Association, come risposta a quello che viene redatto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. L’ultima versione, il DSM 5, sta provocando molti dissensi; anche da parte dei due psichiatri che avevano curato la versione precedente, Robert Spitzer ed Allen Frances.

 

Il DSM 5 infatti ha abbassato la soglia entro la quale alcuni comportamenti , che prima rientravano nella normalità, vengono considerati patologie da curare. Un esempio è il nuovo “Disturbo Neurocognitivo lieve”, che diagnostica come malattia da curare le amnesie lievi, fino ad oggi erano considerate nomale conseguenza dell’età.

 

 

 

 

Abbiamo intervistato il dott. Angelo Fioritti, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale di Bologna, per sapere che uso faranno gli psichiatri italiani del DSM.

 

Il dott. Fioritti chiarisce innanzitutto che gli psichiatri italiani non usano il DSM ma il manuale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che è arrivato alla 11° edizione. Il DSM viene usato principalmente in America. Angelo Fioritti continua dicendo che il DSM 5 non ha un utilità clinica ma solo assicurativa; i neurobiologi non lo usano ed anche gli psichiatri americani lo useranno sempre meno.

 

In realtà il manuale favorisce l’aumento delle prescrizioni di farmaci e, di conseguenza, le case farmaceutiche.

 

 

|