Skip to main content

Tra palco, psiche e realtà

Il teatro per la salute mentale fra cura, cultura, diritti e società

🔊 Puntata 774


Tra palco, psiche e realtà

“E’ cambiato tutto intorno a me; mi sono sentito più accettato dagli altri, più integrato nella società. In un termine solo: normalità, fuori da quei pregiudizi che tutti dicono di non avere. Qui ho avuto la possibilità di sentirmi nuovamente normale, una cosa semplice ma bellissima”. Questo “miracolo” è stato realizzato da un luogo di lavoro: il teatro. In Emilia Romagna infatti opera di diversi anni una rete di compagnie teatrali ( più di 20 ) promosse dai Dipartimenti di salute mentale, e i cui attori sono persone con disturbi psichici. 

Ne parliamo in occasione del convegno-webinar “Teatro per la salute mentale fra cura, cultura, diritti e società. Non siamo mai scesi da Marco Cavallo” (19 e 23 novembre), organizzato dai Dipartimenti di salute mentale dell’Emilia Romagna, dall’Istituto Minguzzi. Tra gli altri anche da Arte e Salute aps – che ha fatto nascere Psicoradio, media partner del convegno. “Frequentavo un centro diurno ed è stato proprio lì che un’operatrice mi ha fatto conoscere questo mondo. Questa esperienza la sento mia”, racconta una delle attrici della compagnia “Tabù? e tambù” di Imola. “Il nostro è un magazzino di idee, dove scriviamo e recitiamo quello che scriviamo” spiega invece il regista della compagnia “Jolly” di Parma. Questa è l’unica compagnia che opera dentro una REMS – Residenze per l’esecuzione della misura di sicurezza – dove sono internate le persone che hanno commesso reati, ma incapaci di intendere e di volere. Non è sempre facile, racconta, perché “a volte il teatro, come la vita, ci pone sfide e ostacoli e non sempre si è pronti o si ha voglia di mettersi in gioco. Allora nel nostro magazzino di idee facciamo una pausa e anche questo è importante”.

Tra le tante voci che sentirete – attori, registi e chi lavora fra teatro e mondo della psiche – Angelo Fioritti, direttore del Dipartimento di Salute Mentale di Bologna, spiega che “quando parliamo di salute mentale intendiamo la promozione del potenziale umano. Anche le persone che hanno una malattia mentale possono godere di ottima salute. Quindi questo ci porta a investire in salute, attività sportive, espressive, di comunicazione, teatrale… ed è un investimento per la salute”. Inoltre, alcuni studi che verranno presentati durante il webinar, dimostreranno che facendo teatro “si acquisisce la capacità di mettersi nei panni degli altri, giocare ruoli diversi nella vita reale… con rimandi positivi anche per chi assiste agli spettacoli. Perché si sviluppa una comprensione diversa verso chi ha un disturbo mentale”. Il nostro viaggio col teatro della salute mentale continuerà anche in una delle prossime puntate.

Tra attori e registi, sentirete la psichiatra Ivonne Donegani; le abbiamo chiesto a cosa serve, per un Dipartimento, investire nel teatro. E poi, la domanda che in tanti (soprattutto gli scettici) si fanno: ci sono prove “scientifiche”, ricerche, che hanno indagato gli effetti del teatro per chi soffre di un disturbo psichico? Bruna Zani, ex preside della facoltà di psicologia di Bologna e oggi direttrice dell’Istituto Minguzzi ci parla, appunto di ricerche fatte dall’Università e dall’OMS. A proposito: la compagnia Arte e Salute Ragazzi (che ascoltate anche in questa puntata) è al teatro Testoni di Bologna con lo spettacolo “Il pifferaio di Hamelin” domenica 21 novembre. 

|