Skip to main content

IO NON MI CURO

Perché una persona che soffre può non volersi curare?

🔊 Puntata 251


IO NON MI CURO

Clicca qui per ascoltare la puntata 

Psicoradio si interroga sul concetto di cura, sulla volontà di non farsi curare, e sulla cura obbligatoria, che è uno dei punti fondamentali del progetto di modifica della legge 180 approvato recentemente dalla Commissione Affari Sociali.

Marco, uno psicologo che ha in famiglia una persona con disagio psichico, ha scritto a Psicoradio manifestando il suo dissenso nei confronti dell’appello di Psicoradio contro il tentativo di modifica della legge Basaglia. In questa puntata racconta le difficoltà quotidiane e l’impotenza di fronte alla malattia di una persona cara.

Queste ragioni lo spingono a pensare che la cura obbligatoria potrebbe servire, pur essendo contrario alla riapertura dei manicomi e ammettendo che in realtà solo in pochi casi potrebbe esser utile.

E allora la redazione si è interrogata sul tema centrale di tutta la questione: perché una persona che soffre può non volersi curare? La la paura di accettare il fatto di avere un disturbo psichico, la diffidenza nei confronti dei farmaci e anche dei medici, la difficoltà di chiedere aiuto, e a volte la sensazione di non aver bisogno di farmaci, possono impedire a chi soffre di avvicinarsi ad un percorso di cura.

Ci sono medici che ti considerano una persona e non una diagnosi allora la cosa cambia molto. Quando si crea un rapporto di fiducia con il medico che ti cura,il farmaco fa più effetto”. Fabio, un redattore di Psicoradio, spiega così il suo concetto di cura. Il rapporto umano e la fiducia sono indispensabili per l’efficacia della terapia, che per questo non può essere obbligatoria. “La mia volontà è stata fondamentale nel seguire un percorso di cura” afferma Luca, altro redattore di Psicoradio. La puntata si chiude con lo psichiatra Stefano Canini, che spiega cosa fa lui quando un paziente non vuole farsi curare.

|