Skip to main content

QUALE FUTURO PER LA PSICHIATRIA?

Salute mentale a 40 anni da Basaglia

🔊 Puntata 560


QUALE FUTURO PER LA PSICHIATRIA?
   

 

 

A quarant’anni dalla legge Basaglia, c’è ancora da lottare? Cosa può migliorare nell’applicazione di una riforma che tutto il mondo ci invidia? Lo abbiamo chiesto ad esperti e redattori che hanno raccontato la loro esperienza.
“Bisogna continuare a lottare per i diritti fondamentali della persona umana – dice Gisella Trincas, presidentessa dell’Unasam, unione nazionale delle associazioni per la salute mentale – che significa servizi di salute mentale di comunità di altissimo livello per costruire percorsi orientati alla guarigione”.

Gli psicoredattori Gigi, Claudio e Lorenzo raccontano luci ed ombre delle loro vicende nel mondo della salute mentale di Bologna. Brenda, ex-redattrice, pone invece l’accento sul tema del lavoro: “Nella mia esperienza il passaggio da un percorso professionale “protetto” come Psicoradio ad un mercato del lavoro libero è stato molto difficile è mancata una via di mezzo”.
Il dottor Angelo Fioritti, direttore del dipartimento di salute mentale di Bologna, si pone invece due obiettivi ambiziosi: “Il primo è dare molta più attenzione e risposte dignitose ai giovanissimi, ovvero alle persone tra i quindici ed i venticinque anni. La seconda è scongiurare il pericolo che la psichiatria diventi uno strumento di controllo sociale e non di cura”.

 

|

Articoli Correlati