Skip to main content

RAGAZZI IO LA FACCIO FINITA. NON CE LA FACCIO PIÙ

La solitudine di chi è vittima di bullismo.

🔊 Puntata 424


RAGAZZI IO LA FACCIO FINITA. NON CE LA FACCIO PIÙ

“Ragazzi io la faccio finita non ce la faccio più” “Cosa? Ma dai smettila!”
“Dico sul serio vedrete io non ce la faccio più, adesso basta” “Smettila di dire stronzate”
“E’ vero, vedrete”.

Purtroppo è stato vero.
Chiara, una ragazza di 12 anni di Pordenone, scambiava questi messaggi con delle amiche su Whatsapp.

Qualche giorno fa Chiara ha tentato il suicidio buttandosi dalla finestra della sua camera e solo una persiana aperta ne ha attutito la caduta. Il motivo di questo gesto sembra sia la sofferenza per casi di bullismo (diciamo “sembra” perché la magistratura sta indagando).

La redazione di Psicoradio torna a parlare di bullismo con la testimonianza di alcuni redattori che ne sono stati vittime: “Avevo talmente tanta vergogna che che pensavo di essere sbagliata io, di non avere il diritto di chiedere aiuto a qualcuno, perchè sei tu che stai facendo qualcosa di sbagliato, ti devi solo vergognare”.

 

I redattori raccontano come il ripetersi degli episodi trasformi una semplice derisione in bullismo; e il male di questo fenomeno è la solitudine. Sono molti i motivi che possono rendere qualcuno vittima di bullismo. E’ sufficiente una difficoltà di pronuncia o qualcosa di più evidente, come un difetto fisico o psichico, comunque tutto ciò che è “diverso” o “ti fa apparire debole”. W qualcuno confida a Psicoradio che, quando si è soli perchè nessuno vede o preferisce non intervenire (insegnanti, familiari o coetanei), può capitare che l’unica difesa sia fare qualcosa a se stessi, farsi de male.

 

|

Articoli Correlati