• default color
  • blue color
  • orange color
  • green color
CPanel

Psicoradio - la radio della mente

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Notizie

Notizie

Lettera di PSICORADIO al Ministro Salvini


 

 

 

 

 

 

 

Ascolta la puntata 554 collegata alla lettera

Psicoradio è una redazione in cui lavorano quelli che molti continuano a chiamare “matti”, ma che, anche grazie alla legge 180, sono invece persone in cura presso il Dipartimento di salute mentale di Bologna. Abbiamo letto le sue dichiarazioni sulla cosiddetta “legge Basaglia” fatte a Pontida, durante il raduno della Lega. Lei ha parlato di una riforma che era giusta “solo sulla carta”, che ha abbandonato le famiglie dei malati psichiatrici “cancellando le strutture che li curavano”.
Noi conosciamo bene, per esperienza molto diretta, le strutture psichiatriche di oggi, i pregi e difetti della cura attuale. Di una cosa siamo certi: le “strutture” di prima – ma chiamiamole con il loro nome: i manicomi - non curavano e non guarivano le persone. Le rinchiudevano, le tenevano lontane dalla società, nascondevano come sporco sotto il tappeto chi aveva una sofferenza psichica. La legge 180 è una riforma giusta nei confronti di tutti i cittadini; prima di tutto per chi ha una sofferenza psichica, che oggi è consapevole di avere una dignità, e il diritto alla cura. E’ una legge giusta anche per chi oggi sta bene, perché sa che se dovesse stare male avrebbe diritto all’aiuto di medici e servizi sociali, che non lo rinchiuderanno, ma lo aiuteranno a stare meglio.
Non siamo ciechi, sappiamo che la riforma non ha risolto tutti i problemi. Sappiamo che per le famiglie il peso della cura è aumentato. In molte zone d’Italia spesso mancano i servizi e l’appoggio necessari per affrontare situazioni difficili e pesanti.
È
vero, a volte “lo Stato si volta dall’altra parte”. Di certo però non per colpa della legge Basaglia, ma al contrario, proprio perché molte amministrazioni colpevoli non hanno creato i servizi necessari per applicarla. E comunque per lo Stato era più facile voltarsi dall’altra parte quando c’erano i manicomi (o, più recentemente, gli ospedali psichiatrici giudiziari). Era più facile far finta che tutto andasse bene quando le persone erano rinchiuse, lontano dagli occhi di tutti, senza diritti né voce.
Invece, la legge 180 chiede l’impegno di tutta la società, e lo chiede da ormai 40 anni. Allo Stato chiede di essere molto più presente di quanto non abbia fatto fino ad ora, e di rispondere alle sollecitazioni delle famiglie e dei pazienti; proprio grazie alla legge 180 i pazienti sono finalmente entità giuridiche che chiedono il rispetto dei propri diritti. La riforma impegna le Regioni a trovare strategie di cura che siano più vicine alle necessità dei cittadini, ad esempio creando servizi con orari ampi di accesso, e cure che riescano a fare sempre meno ricorso alla coercizione.

Leggi tutto...
 

NEWS! Psicoradio media partner della Biennale

BOLOGNA – 16/17  GIUGNO


PSICORADIO è MEDIA PARTNER insieme a RCDC, il network delle radio della salute mentale LARGHE VEDUTE e la web RADIO ALTA FREQUENZA, che si occupa di immigrazione della BIENNALE NAZIONALE DI PROSSIMITA’.
Secondo la redazione di Psicoradio, la biennale rappresenta una serie di progetti per non essere da soli ad affrontare il mondo nelle piccole e grandi imprese quotidiane.
VI RACCONTIAMO ALCUNE DELLA ATTIVITA'  IN CUI SAREMO IMPEGNATI:

·      Mercoledì 14 e Giovedi 15 giugno - Diretta radiofonica da Radio Città Del Capo;  17.30 - 18

·      Venerdì 16 diretta radiofonica dall’Urban Center, Sala Borsa 17.30- 18 (trasmesse daRCDC)

·      Sabato 18 - diretta di 2 ore dall’Urban Center, Sala Borsa 15.30- 18.30 (trasmesse daRCDC)

·      ore 15/16 – trasmissione in diretta in dispositivo assembleare dentro l'Urban Center, che andrà in onda sulle frequenze della web radio di Collegamenti

·      Venerdi e sabato, Psicoradio, con Larghe Vedute e Alta Frequenza saranno presenti tutto il giorno con una loro postazione all’Urban Center, Sala Borsa, per partecipare ai gruppi di lavoro su CULTURA e SALUTE, fare interviste e dirette radiofoniche.

Venite a trovarci o ascoltateci numerosi!

 

Buone notizie! Chiuso anche l'OPG di Aversa

Franco Corleone il commissario del governo che deve vigilare sull'attuazione della legge che poneva come termine della chiusura definitiva degli Opg il 31 marzo 2015, ha dato la notizia ai microfoni di Psicoradio.

Il commissario ha preparato una relazione per il governo, dove, oltre a fare il quadro della attuazione della legge, individua anche alcuni nodi critici nella gestione delle REMS, le nuove “residenze” che hanno sostituito gli OPG. Una fra tutte: ci sono oggi un centinaio di persone che aspettano di essere inserite nelle Rems, ma che non trovano posto. Infatti attualmente i posti disponibili non sono sufficienti a coprire il fabbisogno del circuito penale.

Le Rems andrebbero utilizzate solo come extrema ratio, afferma Corleone, ma dai dati emerge una differenza notevole da regione a regione tra le decisioni dei giudici. In alcune regioni infatti l’invio alle REMS è molto più frequente che in altre. Franco Corleone ha discusso con Psicoradio molti altre questioni importanti, come quella degli strumenti di riabilitazione, della formazione e della contenzione. Per ascoltare l’intervista completa sintonizzatevi sulle prossime puntate di psioradio!

 

IL MANIFESTO DEL PREGIUDIZIO

In questi giorni Bologna è popolata da moltissimi manifesti che pubblicizzano lo spettacolo “Psychiatric Circus”, che aprirà tra poco. Esibiscono un mostro con maschera da pagliaccio, una specie di Frankestein legato dentro ad un camice sanguinante.
Ovviamente senza nessuna intenzione di censura verso uno spettacolo che non abbiamo ancora visto, non possiamo non commentare il manifesto, che ha offeso molti redattori.
Quel manifesto è tecnicamente una comunicazione sbagliata, oltre che cattiva.
E’ sbagliata innanzitutto perché veicola messaggi falsi, associando visivamente l’ambiente psichiatrico, la malattia, con la violenza, con il terrore.
I dati (della Polizia, dei centri Antiviolenza, ecc.) ci dicono da tempo che le persone con una sofferenza psichica non sono affatto le più pericolose: anzi, in testa alle classifiche delle categorie pericolose ed omicide c’è quella dei mariti, fidanzati ed ex partner…che ogni anno anche in Italia uccidono più o meno una donna ogni tre giorni,
Quella comunicazione è cattiva perchè fa  male a persone già colpite dalla malattia; rafforza pregiudizi, immaginari di terrore e demenza legati alla sofferenza psichica che non facilitano certo la vita di chi già in difficoltà.
Ma oltre alla sofferenza il pregiudizio provoca un altro effetto molto grave. Quello di rendere più difficili le diagnosi precoci dei disturbi, perché le persone hanno paura di essere etichettate come “matti” se si recano dallo psichiatra. Così il disturbo avanza, i danni crescono, ci si isola, si comincia a  restare indietro a scuola,  al lavoro, a perdere terreno e amici – ed avanza lo spettro della solitudine.

Insomma, magari le intenzioni non sono cattive, ce lo auguriamo, magari lo spettacolo andrà in tutt’altra direzione, ma quel manifesto è proprio brutto: “antico”, superficiale, e lui sì pericoloso.

 

5X1000

Dona il 5x1000 a Psicoradio!

Inserendo il nome "Arte e Salute onlus" codice fiscale 02049631209 nello spazio dedicato alle associazioni non lucrative.


ASCOLTA PSICORADIO

BOLOGNA Radio Città del Capo - domenica alle 13.15 e replica mercoledì alle 20.30

MILANO Radio Popolare - mercoledì alle 21.30

ROMA Radio Popolare - lunedì alle 10.30

LECCE Radio Popolare Salento - giovedì alle 17.00

TORINO Radio Flash - giovedì alle 15.00 e replica alle 20.00

BOLZANO Radio Tandem - giovedì alle 10.35

ROCCELLA IONICA Radio Roccella - lunedì alle 11.00

CUNEO Radio Beckwith - venerdì alle 7. 00 e replica domenica alle 21

MESSINA Radio Street Messina - martedì e replica giovedì alle 11.00

--