• default color
  • blue color
  • orange color
  • green color
CPanel

Psicoradio - la radio della mente

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

B. o il ricordo di un'infanzia

Come sta oggi quella bambina scalza


B. è stata una redattrice “storica” di Psicoradio. Oggi, per la rubrica “Interviste interiori” ha accettato di raccontarci un periodo lontano e difficile della sua vita: i suoi primi sette anni, vissuti in un orfanotrofio del Brasile. Poi è venuta in Italia, a vivere con la famiglia che l’aveva adottata. Le abbiamo chiesto come ripensa a quel periodo della sua vita, per tanti motivi così doloroso. “L’ho ignorato per tanti anni; viene fuori adesso perché credo che le cose da affrontare più le rimandi, più ti tornano indietro. Come un boomerang: puoi lanciarlo più lontano che puoi, ma prima o poi ti ritorna”.

Il viaggio nel passato inizia con l’immagine di lei, una piccola bambina in un grande orfanatrofio: “Ricordo questa bambina che girava scalza, perennemente in mutande (…) non avevo nulla di mio, non un giocattolo, una stanza, una sedia. Ogni vestito che indossavo era stato portato prima da qualcuno, e sarebbe passato a qualcun altro".

 

Il ricordo più doloroso: il senso di fame costante: “Andare a tavola era una specie di corsa e io arrivavo sempre ultima, e rimava poco”. Ma la piccola B. non era tipo da arrendersi: di notte, con una piccola banda di ragazzini affamati come lei, sgattaiolava in cucina per rubare un po’di cibo; le conseguenze, se l’avessero scoperta, sarebbero state dure.

 

Oltre alla fame di cibo, c’era anche quella affettiva. Negli anni in Brasile B. non ha ricordo di un abbraccio, una carezza o di persone che le volessero bene, a parte un prete che ogni tanto andava a trovarla: “L’unica persona che mi ha abbracciato, ascoltato per due minuti, due”.  
E quando c’erano le visite di aspiranti genitori adottivi. “allora mi vestivo, e mi mettevo i sandali, magari spaiati, se non c’era nient’altro. Erano le uniche volte in cui ci tenevo al mio aspetto. Facevo di tutto per mettermi a posto, perché è la volta in cui ti possono scegliere”.
Oggi la vita di B. è molto cambiata. Sta a Bologna, non è più in redazione con noi perché ha trovato un lavoro a tempo pieno, vive con il suo ragazzo. La prossima tappa sarà prendere la patente. Per avere più autonomia. Il lavoro con la psicologa va avanti; invece da un anno non ci sono più psicofarmaci nella sua dieta. E riflettendo sulle difficoltà e sul dolore incontrati nei primi anni di vita. “hanno  influito sul valore che oggi do alle cose, alle persone e al tempo passato con le persone a cui voglio bene – dice - Il dolore mi ha dato più sensibilità, e la  voglia di credere che le cose possano cambiare”.

La mia infanzia è tra le cose di cui so di non sapere granché. Eppure è alle mie spalle, è il terreno su cui sono cresciuto, mi è appartenuta nonostante l’ostinazione con cui affermo che non mi appartiene più. Ho a lungo cercato di aggirare o nascondere l’evidenza, trincerandomi nell’innocua condizione dell’orfano, del mai nato, del figlio di nessuno. Ma l’infanzia non è nostalgia, e neanche terrore o paradiso perduto (…). Al contrario è forse orizzonte, punto di partenza, insieme di coordinate che potranno dare un senso alle direttrici della mia vita.

Da “W o il ricordo dell’infanzia” di G. Perec

 

Psicoappuntamenti

Psicoradio Live!

L'ultimo mercoledì di ogni mese siamo in diretta su Radio Città del Capo Bologna. Segnatelo sull'agenda: un tema diverso ogni mese live con Psicoradio.

--

Gruppi: Parti difficili

Gruppo di auto mutuo aiuto aperto alle mamme che si sentono sole e che vogliono scambiarsi esperienze. Tutte le mamme interessate sono invitate a partecipare!

Dove: Sala Roncati, viale Pepoli n.5, Bologna

Quando: le riunioni si svolgono tutti i sabato di giugno e luglio dalle 10 alle 11 30

Contatti: Tel. 349 7529271  - 347 4216362

 

 

5X1000

Dona il 5x1000 a Psicoradio!

Inserendo il nome "Arte e Salute onlus" codice fiscale 02049631209 nello spazio dedicato alle associazioni non lucrative.


ASCOLTA PSICORADIO

BOLOGNA Radio Città del Capo - domenica alle 13.15 e replica mercoledì alle 20.30

MILANO Radio Popolare - mercoledì alle 21.30

ROMA Radio Popolare - lunedì alle 10.30

LECCE Radio Popolare Salento - giovedì alle 17.00

TORINO Radio Flash - giovedì alle 15.00 e replica alle 20.00

BOLZANO Radio Tandem - giovedì alle 10.35

ROCCELLA IONICA Radio Roccella - lunedì alle 11.00

CUNEO Radio Beckwith - venerdì alle 7. 00 e replica domenica alle 21

MESSINA Radio Street Messina - martedì e replica giovedì alle 11.00

--