• default color
  • blue color
  • orange color
  • green color
CPanel

Psicoradio - la radio della mente

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

Verso una cura che non leghi

In Emilia Romagna il 63% di contenzione in meno in sei anni

Cosa vuol dire “contenzione”? Letteralmente, “legare”. Con questo termine si fa riferimento ad alcuni provedimenti restrittivi della libertà personale che i Servizi Psichiatrici di Diagnosi e Cura possono adottare in situazioni di emergenza di fronte a pazienti difficili da gestire.  Si tratta di pratiche non mediche che riguardano anche gli anziani ricoverati all’interno di strutture geriatriche: fascette, bracciali ai polsi e alle caviglie cui spesso si ricorre in buona fede, ma che non sono l'unica alternativa possibile.
Lo dimostrano i dati diffusi dalla regione Emilia Romagna che è riuscita, in tre strutture ospedaliere (a San Giovanni in Persiceto, Carpi e Ravenna) a raggiungere in tredici mesi l’obiettivo della contenzione zero ovvero a smettere di legare i pazienti ai letti.

Nella puntata 523 avevamo già affrontato le alternative alla contenzione; in questa abbiamo continuato ad approfondire l’argomento con Mila Ferri, responsabile regionale della Salute Mentale in Emilia Romagna. “In sei anni siamo riusciti a ridurre del 63% gli episodi di contenzione, passando  dai 972 del 2011 ai 365 del 2016”, ha raccontato ai microfoni di Psicoradio.  “E’ diminuito anche il numero dei pazienti sottoposti a misure di contenzione, passando da 383 nel 2011 a 226 nel 2016”.
Nonostante i risultati positivi di queste tre strutture, la contenzione continua ad essere praticata. In Italia, le tipologie di persone più a rischio sono “gli ultranovantenni, i maschi italiani sotto i trent’anni  e gli stranieri tra i 20 e i 30 anni” precisa ancora Mila Ferri. I dati sulla contenzione riportati riguardano solo l’Emilia Romagna, poiché manca ancora un monitoraggio a livello nazionale.

 

 

Psicoappuntamenti

Psicoradio MEDIA PARTNER
Convegno: Bologna si prende cura
Cosa vuol dire oggi occuparsi di Welfare? Come sono cambiati negli anni i problemi da affrontare per garantire non elargizioni, beneficenze, ma diritti? E i fondi, i soldi, ci sono?
Quando: Dal 28 febbraio al 2 marzo
Dove: Bologna

Puntate speciali!
Vi segnaliamo un appuntamento con alcune puntate speciali di Psicoradio, che affiancheranno la programmazione normale. Come media-partner del convegno “Bologna si prende cura”, potrete ascoltare gli approfondimenti e le nostre interviste agli assessori al Welfare di alcune delle maggiori città italiane.
Quando: ogni giovedì, alle 13.30 a partire dal 7 febbraio, per tutto il mese.
Dove: sulle frequenze di Radio Città del Capo.

Psicoradio Live!
L'ultimo mercoledì di ogni mese siamo in diretta su Radio Città del Capo Bologna. Segnatelo sull'agenda: un tema diverso ogni mese live con Psicoradio.

--

Mostra: Jean Dubuffet – L’arte in gioco
Sculture, libri d’artista, composizioni musicali e molte altre creazione dell’outsider Art. Proprio a Dubuffet si deve la definizione di Art Brut, in inglese Ousider Art, ovvero l’insieme di quelle espressioni artistiche spontanee di cui lui stesso fu collezionista.
quando: 3 marzo
dove: Palazzo Magnani di Reggio Emilia.
Per tutte le informazioni consultare il sito www.palazzomagnani.it.

5X1000

Dona il 5x1000 a Psicoradio!

Inserendo il nome "Arte e Salute onlus" codice fiscale 02049631209 nello spazio dedicato alle associazioni non lucrative.


ASCOLTA PSICORADIO

BOLOGNA Radio Città del Capo - domenica alle 13.15 e replica mercoledì alle 20.30

MILANO Radio Popolare - mercoledì alle 21.30

ROMA Radio Popolare - lunedì alle 10.30

LECCE Radio Popolare Salento - giovedì alle 17.00

TORINO Radio Flash - giovedì alle 15.00 e replica alle 20.00

BOLZANO Radio Tandem - giovedì alle 10.35

ROCCELLA IONICA Radio Roccella - lunedì alle 11.00

CUNEO Radio Beckwith - venerdì alle 7. 00 e replica domenica alle 21

MESSINA Radio Street Messina - martedì e replica giovedì alle 11.00

--