Il potere maschile è una gabbia
Prosegue il viaggio tra gli uomini che si interrogano sul loro ruolo e identità. intervista a Stefano Ciccone di Maschile Plurale.  
🔊 Puntata 720

L’idea di Maschile Plurale – racconta Stefano Ciccone – mi è nata da ragazzo. A Roma, dalle parti di Piazza Navona, ci fu uno stupro nei confronti di una ragazza da parte di un gruppo di studenti come me, che non potevo dire essere dei mostri diversi da me. Allora iniziai a interrogarmi e cominciai a dirmi che la violenza sulle donne mi riguardava ed era dentro quella miseria maschile.”
L’Associazione nazionale Maschile Plurale nasce a Roma nel 2007. E’ una rete di uomini, un insieme di gruppi che si confrontano per mettere in discussione i modelli patriarcali e gli stereotipi sul maschile e femminile. Una attenzione particolare è dedicata al problema della  violenza degli uomini sulle donne.
“I motivi della violenza sono tanti – sostiene Ciccone – ma tutti riconducibili ana visione, un immaginario culturalmente molto radicato; è quello che porta ad esempio l’uomo a confondere la passione per la propria compagna con il possesso e il controllo. Noi tendiamo a semplificare la distinzione tra psicologico e culturale; in realtà, nelle relazioni tra i sessi gli stereotipi, le rappresentazioni del corpo e della sessualità strutturano in modo profondo la costruzione psichica dell’individuo. Quindi non c’è una dimensione psichica che io posso distinguere dalla costruzione sociale e culturale.”

Stefano Ciccone cita un concetto del sociologo Carmine Ventimiglia “la violenza maschile non è una forma di trasgressione ma una conferma esasperata di un ordine”.
Cosa significa? Che la violenza maschile, il famigerato raptus di follia non è una pulsione improvvisa, (come abbiamo detto tante volte anche noi a  Psicoradio) ma è “l’esasperazione del “modello di uomo virile, è gerarchia anche simbolica tra maschile e femminile”.
E quali sono gli stereotipi più comuni che sono rimasti nella vita di tutti i giorni? “Nel campo della paternità e della genitorialità ci sono ancora stereotipi molto forti. Ancora oggi i padri che si occupano dei figli vengono chiamati “mammi”. Oggi molti uomini cercano di conquistare uno spazio nella cura dei figli ,ma non disponiamo ancora delle risorse culturali. Dovremmo disporre delle parole per dare conto di un mutamento già avvenuto nelle relazioni.”