Muri diVersi
A cosa serve la poesia
🔊 Puntata 603

“La nebbia agli irti colli piovigginando sale e sotto il maestrale urla e biancheggia il mare”, “Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie”, “Sempre caro mi fu quest’ermo colle, questa siepe che da tanta parte nell’ultimo orizzonte il guardo esclude”.

Sono le poesie imparate a memoria a scuola e ricordate dai partecipanti a ‘Muri di Versi”, manifestazione di poesie sbarcata in un torrido week-end di fine giugno sotto i portici di via Fondazza, a Bologna. Studenti, giovani, professionisti e pensionati hanno appese le loro creazioni sui muri della social street, citata persino oltreoceano dal New York Times come strada simbolo di socialità e condivisione.

Anche Psicoradio ha partecipato a Muri di Versi con un gioco, una riflessione sul linguaggio dei quotidiani. Chi passava poteva leggere i titoli di giornale che Psicoradio aveva appeso ai muri. “Uccide il padre e tenta il suicidio: «Soffre di depressione»”, “Cala il Pil, aumentano i gay”, “E’ un rumeno l’uomo che ha torturato e ucciso un gatto”. Cosa c’è di sbagliato in questi titoli? Le risposte preparate dalla redazione erano appese qualche numero civico più avanti.

Gli psicoredattori si sono aggirati in via Fondazza per catturare umori e sensazioni su questi titoli o su poesie lette o scritte nei sempre più rari momenti di malinconia, gioia, euforia e tristezza che ci concediamo tra un tweet e una mail.

Tra le poesie più emozionanti appese ai muri, quelle scritte dai carcerati durante il Laboratorio di scrittura creativa della Casa di reclusione Milano-Opera e quelle di tre redattori di Psicoradio. Le potrete ascoltare nella puntata.

Se la vita fosse scritta

su un foglio di carta

dove per cambiare le cose

basta una gomma

lascerei solo un poco

della mia vita

Quale?

Quando ero bambino. Il resto lo cancellerei.

Su a vita fussi scritta‘nda fogghiu ‘i carta

unni pi cangiari i cosi

bastassi ‘na gomma

lassassi sulu tannicchia

da mè vita.

Quali?

Quannu era picciriddu

U restu ‘u scancellassi

(Dal laboratorio di scrittura creativa della Casa di reclusione Milano-Opera)