PETIT JONAS NELLE SCUOLE
Prevenzione e interventi contro il bullismo
🔊 Puntata 331

 

“Io sono un fobico, ho delle paure, i miei compagni di classe sono riusciti a scoprirle e non facevano altro che rinfacciarmele contro […] io a questi ragazzi non ho mai fatto niente […] ho sempre la tentazione di vendicarmi”.

Psicoradio continua il suo viaggio nella mente occupandosi di bullismo e lo fa attraverso la testimonianza di Andrea, un redattore di Psicoradio, e con una intervista alla dottoressa Ivana Incandela, psicologa che fa parte della associazione Petit Jonas di Bologna.

[…] all’inizio tre ragazzi avevano preso le mie difese […] il resto della classe ha detto di unirsi a loro nel prendermi in giro o non sarebbero più stati loro amici”, continua Andrea nel suo racconto.

E’possibile prevenire episodi di bullismo nelle scuole? La redazione lo ha chiesto alla dr.ssa Incandela che con l’associazione di cui fa parte interviene nelle scuole con un originale metodo.

Questo approccio prevede attività in gruppo, di tutta la classe, evitando di identificare bullo e vittima, chi agisce e chi subisce, proprio perché il bullismo è un problema che riguarda l’identità di tutti i ragazzi. Vittime e bulli.

E’ fondamentale, secondo la psicologa, confrontarsi alla pari con loro per rafforzare l’identità: “si fa gruppo con chi è simile; nel momento in cui l’altro mi fa da specchio e vedo le sue debolezze, ho paura di riconoscermi in lui e ciò genera aggressività e violenza”.

Nella dimensione di gruppo i ragazzi si conoscono, parlano tra di loro e condividono le esperienze e questo permette di far emergere il disagio facendo autoanalisi e autocritica. “La scuola è il luogo della prevenzione, non della cura ”, conclude la dott.ssa Ivana Incandela .